I tatuaggi celtici: significato, simboli e storia.

I tatuaggi celtici appaiono per la prima volta all’interno di una civiltà che non aveva una propria lingua scritta, per cui rappresentano un sistema di comunicazione vero e proprio, oltre che essere un segno distintivo. Nel popolo celtico la simbologia occupava un posto predominante nella vita quotidiana: attraverso i simboli i Celti tramandavano la propria civiltà, oltre a richiedere forza, fertilità e protezione in battaglia.

Chi sono i Celti?

I Celti, popolo di provenienza indoeuropea, hanno sempre suscitato un profondo interesse misto ad uno sconosciuto timore e le loro gesta ed i lorocostumi sono avvolti da un alone di mistero e leggenda. Furono tra le civiltà più progredite del mondo antico. Erano un popolo molto religioso e superstizioso ed infatti molti dei simboli celtici dell’epoca avevano un forte significato spirituale.

Essendo un popolo per la maggior parte costituito da guerrieri, i famosi guerrieri celtici, poche sono state le testimonianze tramandate, considerando anche che non avevano una lingua scritta. Sono anche i tatuaggi celtici ad offrirci uno specchio della loro cultura, rappresentando un vero e proprio segno d’espressione.

Quale era la funzione dei tatuaggi celtici.

I tatuaggi celtici erano una prerogativa dei guerrieri. Nella civiltà celtica essere un guerriero ed andare in battaglia era l’onore più grande che potesse riceversi ed i Celti portavano orgogliosamente i loro tatuaggi, segno distintivo di questa appartenenza. Con i tatuaggi i guerrieri celtici intendevano spaventare l’avversario, oltre che ricevere protezione in battaglia, poco interessava l’estetica. Per aumentare tale obiettivo intimidatorio e rendersi davvero terrificanti, i guerrieri usavano colorarsi anche i visi ed i capelli.

Dove erano collocati i tatuaggi celtici?

Poiché i guerrieri erano soliti combattere a torso nudo, i tatuaggi celtici erano posti quasi esclusivamente su petto e braccia. La tradizione vuole che i guerrieri celtici si adornassero il corpo nei punti più carichi di energia, chiamati  meridiani; l’idea dietro l’uso dei tatuaggi celtici era quella di migliorare il proprio rendimento durante la battaglia. Alcuni simboli celtici si trovavano anche su elmi e scudi.

La tecnica dei tatuaggi celtici.

Il processo per realizzare i tatuaggi celtici era lungo e laborioso e contemplava l’uso di inchiostro naturale, proveniente dalla lavorazione di fiori e piante, innestato sotto pelle attraverso l’uso di grossi aghi alquanto rudimentali. In particolare, era molto utilizzata la pianta di guado, le cui foglie venvano raccolte, essiccate e bollite a più riprese. Il prodotto finale, filtrato, veniva ancora bollito fino ad ottenere un composto vischioso di colore bluastro con cui si tingevano gli aghi. Tale procedimento, tutt’altro che indolore, e ben lontano dai dettami igienici moderni, faceva sì che i tatuaggi celtici così ottenuti risultassero indelebili proprio come gli attuali tatuaggi.

Tipologie di tatuaggi celtici

I tatuaggi celtici hanno simboli e valori che rappresentano la storia di questo popolo, fatta di guerrieri coraggiosi e di profondi legami con la natura. Essendo la religione celtica connessa strettamente alla natura, nella maggior parte di tatuaggi di simboli celtici troviamo animali, piante, luna e sole. Particolarmente conosciuti sono il tatuaggio dell’albero della vita celtico ed il tatuaggio della croce celtica, ma anche il tatuaggio della spirale celtica. I tatuaggi nel mondo celtico sono rappresentati da segni particolari,  forme geometriche unite tra loro, in grado da spaventare i combattenti avversari. Sono molto usati i colori, soprattutto il verde, oltre ad ombreggiature e piccole sfumature. I tatuaggi di scritte celtiche rappresentano le linee di energia che vanno verso il divino, essenziali per accompagnare le cose terrene che da sole non avevano possibilità di esistere.

Tra i tatuaggi celtici più comuni e diffusi vi sono il tatuaggio della croce celtica, il tatuaggio dell’albero della vita celtico, il tatuaggio della spirale celtica, oltre che diversi tatuaggi di nodi celtici. Ma vediamoli dettagliatamente:

  • Il tatuaggio dei nodi celtici è tra i disegni celtici per tatuaggi più popolari ed ha un significato piuttosto complesso. I nodi che si ripetono e si sovrappongono, motivo ricorrente dei tatuaggi celtici, rappresentano le infinite connessioni che esistono tra mondo fisico e mondo spirituale. Viene dunque rappresentato il ciclo infinito di morte e rinascita. I guerrieri celtici tatuavano con i nodi celtici soprattutto la parte superiore del petto.
  • Il tatuaggio della tripla spirale, o triquetra, è un simbolo che ha la forma di un triangolo. L’intreccio sta a significare che corpo, anima e spirito sono legati imprescindibilmente tra di loro. Rappresenta la trinità e tutti quei fenomeni dalla natura triplice. Era ritenuto un simbolo di protezione dal grande potere ed usato come talismano.
  • Il tatuaggio del triskell ha origini precristiane ed ha lo scopo di procurare una sorta di protezione nei viaggi e nelle battaglie. Il movimento della spirale celtica è l’emblema della crescita e dell’evoluzione della vita e rappresenta l’importanza dell’inizio e della fine, lo sviluppo personale dell’individuo. Il triskell è trai disegni celtici per tatuaggi più richiesti in epoca attuale.
  • Il tatuaggio della croce celtica è forse il più comune tra i tatuaggi celtici. Ha origini antichissime e come tutte le croci rappresenta uno dei simboli celtici più antichi e più conosciuti. Veniva spesso associata all’albero della vita celtico ma anche al sole, centro divino del cosmo. Il tatuaggio della croce celtica rappresenta, dunque, il collegamento tra il mondo terreno e quello del cielo. Successivamente il simbolo venne ripreso dai Cristiani, che ne fecero l’emblema del legame con Gesù Cristo. Oggi la croce celtica rappresenta i movimenti di estrema destra in tutto il mondo.
  • Il tatuaggio dell’albero della vita celtico rappresenta un albero le cui estremità, rami e radici, si uniscono, tramite i complessi nodi celtici, formando una figura inscritta in un cerchio. In linea generale il significato del tatuaggio dell’albero della vita celtico è la stretta connessione che esiste tra il mondo terreno e quello spirituale. Il molteplice intrecciarsi di rami e radici, in senso lato, sta poi a significare il proprio sentiero di ricerca personale, che si snoda attraverso vie apparentemente erronee e tortuose.

Il tatuaggi  di simboli celtici nel mondo moderno

I tatuaggi celtici esistono oltre il tempo: erano rilevanti secoli fa e lo sono ancora adesso, anche se oggi hanno una valenza puramente estetica e sono realizzati in modo da far risaltare la muscolatura. Sarà fondamentale dunque affidarsi ad uno studio di tatuatori esperti, che sapranno, oltre che guidarci nella scelta, anche realizzare perfettamente il disegno, rispettando scrupolosamente ogni norma igienica. Naturalmente i simboli celtici moderni sono diversi da quelli originali ma tatuarsene uno è senz’altro segno di una personalità forte e coraggiosa. I tatuaggi con motivi celtici sono raffinati ed eleganti, adatti ad uomini e donne di ogni età. Pur potendo i tatuaggi celtici essere fatti in ogni parte del corpo, i più frequenti sono:

  • Tatuaggio celtico avambraccio che è solitamente rappresentato dai cosiddetti braccialetti di tatuaggio, vistosi ma eleganti e dunque alquanto diffusi tra le donne. Nei braccialetti sono rappresentati in particolare i nodi celtici;
  • Tatuaggio celtico spalla: in questa parte del corpo il tatuatore, conoscitore delle caratteristiche dei simboli celtici, userà la tecnica dell’ombreggiatura ed un inchiostro nero. Sulla spalla è molto richiesto il simbolo del triskell per la sua eleganza e significato.

Seguici su